GROTTE DI FRASASSI

admin

19 Giugno 2018

Nessun commento

Grotte di Frasassi

Considerate fra le più belle d’Europa, le Grotte di Frasassi sono un paesaggio sotterraneo strabiliante. Ecco come arrivare, orari, prezzi e percorsi!
La potenza e la magia della natura trovano forma alle Grotte di Frasassi, uno dei luoghi più incredibili d’Italia, all’interno della grande area verde del Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi. Nello specifico si tratta di grotte carsiche sotterranee, una sorta di universo parallelo, decorato da moltissime stalagmiti e stalattiti, vere e proprie sculture naturali createsi dall’inesauribile lavorio di acqua e roccia, e dalle forme più disparate.

Grotte di Frasassi: Dove e come raggiungerle

Le Grotte di Frasassi si trovano all’interno del Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, nelle Marche, in provincia di Ancona: è perciò molto semplice raggiungerle, sia in auto, uscendo dall’autostrada ad Ancona Nord, sia con i mezzi, treno o autobus. Le grotte sono molto accessibili, sono aperte durante tutto l’anno ad eccezione delle festività, e si possono prenotare in anticipo gli ingressi e le visite guidate.

Tra I Borghi più belli d'Italia

Lungo la cinta fortificata del castello di Mondolfo sorge il “Giardino Martiniano”, allestito nel Bastione di S.Anna, un bel giardino all’italiana in posizione panoramica.  Antico borgo posto come un balcone sul mare, Mondolfo deriva i suo nome da Castrum Montis Offi, cioè Monte di Offo, il capostipite della famiglia feudale che ebbe la signoria sul castello fino all’avvento dei Malatesta. Al VI sec. d. C. risale la prima cerchia di mura, di forma ovale, appartenente a un castrum bizantino dalla struttura urbanistica regolare.
Il cuore dell’antico castello è la grande piazza centrale dominata dal Municipio da cui si diramano a raggiera vicoli e scalinate nelle diverse direzioni. A fianco sorge la Collegiata di Santa Giustina, con interno barocco che conserva un organo settecentesco di Gaetano Callido.

Grotte di Frasassi: la scoperta

Queste grotte, nonostante la loro età geologica, sono piuttosto giovani. L’ingresso della Grotta del Fiume è stato infatti scoperto solamente nel 1948 dal Gruppo Speleologico Marchigiano di Ancona e, successivamente, nel 1966 e nel 1971, furono scoperte le diramazioni che portavano a tutte le altre sale collegate. Queste esplorazioni hanno portato alla luce nuovi cunicoli, pozzi e imponenti gallerie, per un totale di circa cinque chilometri.

Grotte di Frasassi: il percorso Tradizionale

Il percorso cosiddetto Tradizionale prevede la visita di cinque “sale” partendo da Abisso Ancona che è anche il primo punto scoperto dagli speleologi nel 1948. Qui si possono osservare un laghetto cristallizzato e un’enorme colata, quasi una cascata fossilizzata, di calcite bianchissima, talmente grande da essere stata battezzata “Niagara”. L’ala successiva, la Sala dei Duecento, prende il nome dalla sua lunghezza di 200 m, mentre subito dopo si trova il Grand Canyon dove si possono ammirare le suggestive Canne d’Organo, un gruppo di stalattiti tutte vicine una all’altra che ricordano la forma dell’organo: sono suggestive anche perché se le si tocca delicatamente danno suoni diversi. Il tour di circa un’ora e un quarto termina con le ultime due Sale, quella dell’Orsa e la Sala Infinito.

Grotte di Frasassi: orari e prezzi

Le Grotte di Frasassi sono visitabili tutti i giorni. L’orario estivo: dal 1° marzo al 31 ottobre le visite iniziano alle ore 10 fino all’ultima entrata alle ore 17, con una tranche in più alle ore 18 da luglio a metà settembre. L’orario invernale è invece 11.30 – 15.30. In entrambi i casi ci sono estensioni e variazioni durante i ponti e le festività, consigliamo di telefonare o controllare la pagina internet. L’ingresso intero è di 18 €, il percorso Azzurro (circa 2 ore) della visita speleologica costa 40 €, mentre il percorso Rosso (circa 3 ore) costa 50 €. Per la visita si raccomanda di indossare scarpe comode, di portare una felpa, e di arrivare mezz’ora prima dell’orario di inizio.

Seguici e condividi i nostri contenuti su:
error